Passa ai contenuti principali

Just called to say i love you

Oggi pomeriggio per evitare il traffico “natalizio” sono andato a Stoccolma con la Metro.
Sono sceso a Gamla Stan (città vecchia) per farmi in girettino tra le bancarelle del mercatino di Natale più famoso della città (se non altro per prezzi.) Al centro della piazza grande c’è un albero di Natale a cui hanno appeso dei messaggi. Ne ho letto uno e mi ha colpito.
*****
Qui a Stortorget (piazza grande,)  

ci ritroviamo dopo 5 anni di fidanzamento,

il vecchio sentimento si è spento

tuttavia tutto quello che è stato non lo buttiamo al vento,

ma lo teniamo a mente senza nessun rimpianto…

Buon Natale…
 e? (stasera facciamo l’amore)
*****
Non è una lettera bellissima?
Forse passiamo troppo tempo in attesa, un continuo avvento per un Natale che non arriva mai.
Forse è vero che: "We spend too much time hoping To find again the will to hope."
viviamo un po’ di più.
No?
****

                              

Post popolari in questo blog

Colazione svedese.

Buongiorno amici e amiche. Oggi per iniziare bene la giornata vi offro una colazione alla svedese “frukost”. Cosa mangiano gli svedesi a colazione? Bella domanda…!! Gira un video su internet riguardo alla brutalità vikinga con cui si prepara la colazione in Svezia, a suon di pugni su scatole di cerali e morsi violenti a pomodori. Beh, la realtà lievemente diversa. La priorità é data al “mysigt”, ossia all’atmosfera romantica.
Candele accese di prima mattina e tavolo perfettamente ordinato con tanto di fiori freschi per inebriare l’aria mattutina. Passiamo al cibo. Gli svedesi sono famosi per mangiare salutare, organico, vegetariano e chi più ne ha più ne metta. Beh la colazione é invece un qualcosa di mastodontico! Della serie che mangiano l’ira di dio la mattina e poi pedalano per tutto il giorno sostenendo che loro non necessitano di nulla di più di una mela o un avocado. Ed ecco di cosa é composta la tipica colazione svedese:
*uova bollite con salsa al caviale (rigorosamente in tube…

Festa di san Giovanni tra corna, lumache e superstizione.

Questa notte a casa mia a Civitavecchia, tra piatti di lumache mangiate in allegria si è festeggiata la notte di san Giovanni. Mentre io me tapino in Svezia,  ho festeggiato la notte di mezza estate con un piatto di aringhe affumicate e fermentate. Ma cosí non è sempre stato.
Quando ero giovane in questo periodo scappavo sempre dalla Svezia guidando giorno e notte per mezza Europa per festeggiare con le lumache o “ciumache” a casa mia a Civitavecchia.
Oramai anche volendo non potrei più farlo il medico causa i miei due infarti me lo ha ”vivamente sconsigliato” allora meglio rassegnarsi il tempo è inesorabile con tutti. Così mentre ieri mentre discustato mangiavo il famigerato piatto di aringhe putrefatte non ho potuto fare a meno di pensare ai seguenti versi:
"Sopra l'acqua e sopra il vento portami al noce di Benevento".
Come dicevano le streghe alle loro scope-cavalcature. E si racconta che per dispetto passavano volando sopra la Basilica di San Giovanni in Laterano a …

Questa "piccoletta" di Svezia.