Passa ai contenuti principali

Post

Post in evidenza

Fotagrafi impazziti e fioritura a Kungsträdgården

Oggi. Bella giornata primaverile, sole con temperatua attorno ai 10-12 gradi i cigliegi giapponesi a Kungsträdgården hanno raggiunto il culmine della fioritura per la gioia dei fotografi della domenica (che poi tanto della domenica non mi sembrano...).
Nonno fotagrafo.
Tenerezza.
Attrezzatura.
 Selfing.
Per domani le previsioni meteo danno pioggia e temperature in ribasso. ( Ai visto mai che poi uno si dimentica che abita in Svezia...!!)
Il disgelo. (Anche gli svedesi sorridono...!!)

*****
Post recenti

18 Aprile 2017 " un pò fuori Stoccolma"

Per me la Pasqua é stata sempre sinonimo di Primavera inoltrata, MA DIMMI BUON DIO, CHE ROBA È QUESTA!
Giovedì scorso in Italia era giorno di sepolcri. Io sono passato da Sergels Torg e Drottninggatan per omaggiare le vittime del vile attentato. Ancora stò cercando di capire cosa sia successo.
Ieri Pasquetta, la "scampagnata" l`ho fatta ad Uppsala. Qualche timido tentativo di addobbo pasquale quà e là. Temperatura natalizia e pioggia mista a ghiaccio.
(scusate se è poco...)
*****

Buona Pasquetta e, Grazie.

Buona Pasqua di Resurrezione Stoccolma

Pasqua dovrebbe essere il richiamo alla vita. Ed per questo che quest`anno la Buona Pasqua voglio augurarvela dai Giardini di Kungsträdgården(letteralmente giardino del re.)  Ad un passo dal palazzo reale e, non molto distanti dal luogo dove é avvenuto il vile attentato che ha sconvolto la Svezia e il resto del mondo civile.
Peró in mezzo a tanto buio c`è stato anche un piccolo spiraglio di luce: I ciliegi a Kungsträdgården hanno inizato a fiorire. È stato un segnale bello, positivo, pieno di speranza che la natura un pò in anticipo ha pensato bene di regalarci. La vita ricomincia e Stoccolma si rialza più forte di prima.
Rialziamoci anche noi, spezziamo le catene del passato, guardiamoci di nuovo intorno.
Bentornato, Gesù, prendici per mano, ricostruisci questo nostro mondo così gravemente ferito. 
Happy Easter, Glad Påsk, Buona Pasqua, cari lettori a voi a me e a chi ci vuole bene. *****

Civitavecchia, venerdì 22 Aprile 2011

L`anno scorso vi ho “raccontato” della Pasqua svedese “Påsk”. Quest`anno il destino ha voluto che la passassi in Italia è la mia seconda volta in più di 40_anni. Devo ammettere che mi ha fatto un certo effetto ieri sera assistere alla processione del Cristo Morto è una delle poche tradizioni a cui i miei concittadini non farebbero mai a meno, ne vale la nostra identità: la processione significa storia, fede, vita, tradizione, partecipazione e condivisione. È una tradizione questa che si perde nella notte dei tempi, incerta la datazione:secondo alcuni risale all’889, anno della probabile fondazione della città, per altri risale ad inoltrata età medievale. I Penitenti, gli Incappucciati in saio bianco mi fanno scorrere un brivido freddo lungo tutto il corpo.Quando ero ragazzo i vecchi raccontavano che un tempo si fustigavano pubblicamente “con grande effusione di sangue”, oggi trascinano pesanti catene ai piedi e alcuni di loro portano in spalla delle grandi croci lignee. Si avete ragio…

"Skärtorsdag" (e le streghe del giovedì santo in Svezia)

Belle e variopinte le tradizioni svedesi in occasioni delle festività pasquali 
Ad esempio è un rituale tradizionale far benedire il giorno delle palme i rami di pioppo bianco, le cui gemme assomigliano molto a delle code di gatto e per questo sono chiamati “gattici”.
Singolare è l’usanza del Giovedì Santo, giorno in cui le bambine si travestono da streghe, coperte da scialli colorati e truccate con guance e labbra rosse e proprio come ad Halloween bussano di porta in porta a chiedere dolci in cambio di disegni fatti a mano. Questa tradizione nasce da antiche credenze medioevali, secondo le quali durante la Settimana Santa il potere distruttivo delle streghe si moltiplicasse e diventasse più forte. Alla vigilia della Domenica di Pasqua si festeggia accendendo dei falò e facendo scoppiare in cielo fuochi d’artificio. Simbolo principale della pasqua in Svezia è l’uovo, che essendo simbolo di vita e resurrezione è presente in ogni alimento del pranzo e in tutti i giochi pasquali. La mattina…

" DIN DON "